Vai al contenuto

Dal 25/03/24 al 24/03/25
4 moduli | 1,5 crediti

Discipline e professioni:
Medico chirurgo
Cardiologia
Malattie metaboliche e diabetologia
Medicina interna

DESCRIZIONE

Il progetto si propone di rivalutare il ruolo del controllo del ritmo utilizzando i farmaci antiaritmici nel contesto dei pazienti sottoposti ad ablazione di fibrillazione atriale in accordo alle linee guida. Verrà sottolineato come i farmaci antiaritmici e in particolare la flecainide, un antiaritmico di classe 1 C consigliato dalle linee guida per i pazienti senza cardiopatia strutturale, abbiano un ruolo riconosciuto nel ridurre le recidive di fibrillazione atriale e possono essere impiegati sia nella fase immediatamente successiva all’ablazione sia in caso di recidive non frequenti. Verranno valutati i criteri per utilizzare il farmaco con sicurezza e verranno rivisitati i profili di rapporto rischio beneficio delle alternative terapeutiche.


FACULTY

Giuseppe Boriani

Divisione e Cattedra di Cardiologia, Dipartimento di Scienze Biomediche, Metaboliche e Neuroscienze, Università di Modena e Reggio Emilia – Policlinico di Modena.

Igor Diemberger

Istituto di Cardiologia, Università di Bologna, Policlinico Sant’Orsola, Bologna

Pietro Palmisano

Divisione Cardiologia, Ospedale G Panico, Tricase (Lecce)

Francesco Facchini

Giornalista, Milano


Condividi:
ECM SMART
Dal 25/03/24 al 24/03/25
Farmaci antiaritmici in pazienti sottoposti a ablazione transcatetere per fibrillazione atriale
ECM SMART
DAL 07/02/2024 AL 06/02/2025
Ipertensione: la variabilità pressoria
ECM SMART
DAL 07/02/2024 AL 06/02/2025
Ipercolesterolemia: quando il rischio è elevato
ECM SMART
DAL 07/02/2024 AL 06/02/2025
Fibrillazione atriale: quali opzioni terapeutiche per il controllo del ritmo?
ECM SMART
DAL 07/02/2024 AL 06/02/2025
Ipercolesterolemia: ‘Lower, sooner, longer’ – l’attuale paradigma terapeutico vale per tutti?
ECM SMART
DAL 07/02/2024 AL 06/02/2025
Ipertensione e valutazione del rischio CV nella medicina di genere