Vai al contenuto

Dal 07/02/24 al 06/02/25
4 moduli | 1,5 crediti

Discipline e professioni:
Medico chirurgo:
Cardiologia
Malattie metaboliche e diabetologia
Medicina interna

DESCRIZIONE

L’approccio al paziente con fibrillazione atriale deve prendere in esame una serie di opzioni che sicuramente devono considerare a tutt’oggi un ruolo importante per i farmaci antiaritmici, specialmente nel paziente senza cardiopatia, sia come primo approccio, indipendentemente dall’opzione dell’ablazione transcatetere, sia in pazienti sottoposti ad ablazione transcatetere per evitare recidive di fibrillazione atriale. La flecainide è un farmaco del gruppo 1C ampiamente studiato negli ultimi 20 anni e in pazienti appropriatamente selezionati risulta avere un ottimo profilo di sicurezza ed efficacia. Nel progetto FAD verranno illustrati i criteri di scelta per implementare una strategia farmacologica di controllo del ritmo, le caratteristiche dei candidati al trattamento con flecainide e le modalità di follow-up e monitoraggio dei pazienti in trattamento farmacologico. Verrà inoltre presa in considerazione l’opportunità di istituire la terapia con farmaci antiaritmici in pazienti trattati con ablazione transcatetere, nell’ottica di una sinergia fra le due strategie terapeutiche.


FACULTY

Giuseppe Boriani,
MD, PhD, FEHRA, FESC
Divisione e Cattedra di Cardiologia, Dipartimento di Scienze Biomediche, Metaboliche e Neuroscienze, Modena.

Francesco Facchini, Giornalista


Condividi:
ECM SMART
DAL 07/02/2024 AL 06/02/2025
Ipertensione: la variabilità pressoria
ECM SMART
DAL 07/02/2024 AL 06/02/2025
Ipercolesterolemia: quando il rischio è elevato
ECM SMART
DAL 07/02/2024 AL 06/02/2025
Fibrillazione atriale: quali opzioni terapeutiche per il controllo del ritmo?
ECM SMART
DAL 07/02/2024 AL 06/02/2025
Ipercolesterolemia: ‘Lower, sooner, longer’ – l’attuale paradigma terapeutico vale per tutti?
ECM SMART
DAL 07/02/2024 AL 06/02/2025
Ipertensione e valutazione del rischio CV nella medicina di genere