Vai al contenuto

Dal 30/11/23 al 29/11/24
4 moduli | 1,5 crediti

Medico chirurgo:
Cardiologia
Malattie metaboliche e diabetologia
Medicina interna
Medicina generale (medici di famiglia)

DESCRIZIONE

Secondo le ultime linee guida ESC sulla dislipidemia, l’ipercolesterolemia è più di un fattore di rischio per le malattie cardiovascolari: è un fattore causale diretto e verosimilmente il più importante. Inoltre, come ribadito dalle linee guida, esiste una relazione lineare tra ipercolesterolemia e frequenza di eventi cardiovascolari, a partire da livelli di colesterolo relativamente bassi. L’ipercolesterolemia interagisce con altri fattori di rischio cardiovascolare per delineare il quadro di rischio complessivo di ciascun paziente. Pertanto, ogni individuo ha il proprio livello di colesterolo “target”, basato sul proprio rischio CVD complessivo. La considerazione a 360° del rischio CV individuale suggerisce le modalità più appropriate e personalizzate per l’uso della statina (es. atorvastatina).


FACULTY

Giuliano Tocci
Professore Associato in Cardiologia Direttore della Scuola di Specializzazione in Malattie Apparato Cardiovascolare Dipartimento di Medicina Clinica e Molecolare Università di Roma Sapienza Centro Ipertensione, UOC Cardiologia, Azienda Ospedaliero-Universitaria Sant’Andrea, Roma

Francesco Facchini
Giornalista e divulgatore, Milano


Condividi:
ECM SMART
DAL 07/02/2024 AL 06/02/2025
Ipertensione: la variabilità pressoria
ECM SMART
DAL 07/02/2024 AL 06/02/2025
Ipercolesterolemia: quando il rischio è elevato
ECM SMART
DAL 07/02/2024 AL 06/02/2025
Fibrillazione atriale: quali opzioni terapeutiche per il controllo del ritmo?
ECM SMART
DAL 07/02/2024 AL 06/02/2025
Ipercolesterolemia: ‘Lower, sooner, longer’ – l’attuale paradigma terapeutico vale per tutti?
ECM SMART
DAL 07/02/2024 AL 06/02/2025
Ipertensione e valutazione del rischio CV nella medicina di genere